Home Forums Invalidità Civile Ricorso INPS

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Autore
    Post
  • gionatan natale
    Partecipante
    Post totali: 1

    Buonasera a tutti. Innanzitutto i complimenti per il forum.
    Volevo un parere per la situazione di mio fratello con diagnosi:ritardo mentale moderato, epilessia e psicosi cronica (schizofrenia indifferenziata) al quale la commissione straordinaria in visita medica gli ha tolto l’accompagnamento e confermato il solo 100% invalidità. Adducendo che ha un discreto senso di orientamento temporo spaziale e in buon controllo farmacologico (ovviamente sono di parte dicendo di non essere d’accordo in quanto il soggetto non sa contare, scrivere, non distingue i soldi, non sa prendere i farmaci, non tiene una conversazione, ecc.).
    È successo che a dicembre 2019 arriva il decreto con il quale l’INPS toglie l’accompagnamento, ma noi non ce ne siamo accorti facendo passare più dei sei mesi per fare ricorso.
    E pochi giorni fa arriva una comunicazione INPS che vogliono indietro circa 5000 euro per aver percepito l’indennità di accompagnamento ingiustificata. Come si può procedere legalmente per evitare sia di restituire questi soldi, sia perché si tratta di un giudizio ingiusto? Si può fare qualcosa? Grazie

Stai visualizzando 1 post (di 1 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.