Home Forums Risarcimento Danni L'assistente sociale che causa danni è tenuto a risarcirli?

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Post
  • Giannina
    Partecipante
    Post totali: 1

    Buongiorno, sono una mamma che ha ricevuto un danno da parte di assistenti sociali e vorrei sapere come fare per ottenere il giusto risarcimento.
    Mi spiego, mia figlia è vittima di maltrattamenti da parte del padre. dopo essere stata picchiata al punto che l’ho dovuta accompagnare in pronto soccorso, che le ha dsto 10 giorni di prognosi, ha poi denunciato il fatto ai carabinieri.
    abbiamo cambiato casa e comune ed negli uffici comunali ci hanno detto detto che avrebbero accettato il cambio di residenza senza l’autorizzazione del padre vista la denuncia allegata al cambio di residenza. Attenzione però non ci hanno mai detto che potevamo chiedere dispensa al giudice tutelare. La ragazza aveva 16 anni, quindi sarebbe stata necessaria ma noi ci siamo fidate di quanto a noi detto.
    Dopo 3 mesi abbiamo ricevuto telegramma dei servizi sociali che invitavano le “signorie vostre” a presentarsi presso i i loro uffici. noi siamo andate ma abbiamo scoperto che le “signorie vostre” non erano madre e figlia ma bensì madre e padre e avevano fornito, senza pensieri, i nostri dati al padre della ragazza.
    da questa cosa è venuta fuori:
    – un anno di psicologo al servizio età evolutiva, quindi un danno biologico direi grave
    – insulti e minacce e menzogne verso di me da parte degli assistenti sociali,
    – la necessità di rimettere in vendita la casa dopo aver pagato solo 3 mensilità di mutuo, quindi buttare via tutte le spese per l’acquisto, compresa l’agenzia, il rogito, la voltura delle utenze e le spese di trasloco. la casa l’ho venduta dopo un anno e mezzo ma ho dovuto abbassare il prezzo e quindi ci abbiamo rimesso anche qui.
    ho cercato di parlare con l’assessore ma non ha voluto ascoltarmi,
    ho allora provato con il sindaco ma – testuali parole – “non è mia competenza”
    ho scritto all’ordine degli assistenti sociali ma nulla anche qui,
    ho scritto al prefetto e non mi ha risposto,
    ho aperto la pratica al servzio Tutela diritti persona della regione, al quale poi ho anche inviato la sentenza di decandenza dalla responsbailità genitoriale e la decisione del GIP di procedere per maltrattamenti.
    risultato: nulla.
    La mia domanda è questa: Un assistente sociale o l’ente per cui lavora, sono tenuti al risarcimento di male ingiusto inflitto per negligenza o altre cause?
    In quale ambito rientra questa vicenda:
    danni causati da pubblica amministrazione o danni causati per violazione degli obblighi deontologici oppure altro?
    Fino ad ora non ho trovato nessun avvocato che sia stato in grado di dare una risposta, voi potreste aiutarci?
    Ho fatto debiti per poter cambiare casa, sono contenta di aiutare mia figlia ma vorrei sapere se posso fare qualcosa contro quanto abbiamo ricevuto.
    grazie

    Sandra Caschetto
    Moderatore
    Post totali: 7

    Buongiorno
    Per quello che Lei racconta la sua è una storia molto delicata ed importante
    Bisogna vedere e leggere i documenti e fare un’analisi dettagliata anche con debiti riscontri.
    Sebbene chiunque cagioni un danno ingiusto è tenuto a risarcirlo, indipendentemente dal fatto che sia o meno una persona specifica che ricopre un ruolo e che lo abbia potuto cagionare in ragione del proprio ufficio, nel suo caso, per quello che Lei afferma ripeto bisogna verificare in modo preciso e puntuale se ricorrono gli estremi di legge per configurare la fattispecie concreta con quella astratta prevista dalla norma.
    Pertanto occorre che quello che lei afferma sia concretamente supportato da atti inconfutabili che possano conclamare questo tipo e genere di responsabilità.
    Solo producendo questi documenti e conferendo incarico ad un avvocato che analizza e studia tutto ciò si potrà esprimere un parere qualificato sulla vicenda che lei lamenta e sarà all’esito di questa analisi e del parere compiutamente espresso che si potrà valutare il caso, lei potrà decidere se andare avanti o meno in quello che oggi lei crede si possa fare.
    Avv. Saverio Lauretta

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.