Home-new Forums Contrattualistica Inadempienza clausola contratto commerciale

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Post
  • Luciano Mauro
    Partecipante
    Post totali: 1

    Salve.
    Sono nuovo del forum e grazie anticipatamente a chi vorrà darmi un parere/consiglio professionale in merito al seguente quesito.
    Ho un attività commerciale di parfarmacia in un piccolo centro commerciale: supermercato di cjrca 2000 mq più altre 6 attività oltre la mia che si trovano nella adiacente galleria fronte supermercato.
    Il supermercato paga come la mia attività di parafarmacia e le altre attività commerciali presenti un affitto ad una società proprietaria dell’intero immobile ovvero delle mura.
    Quando firmai il contratto, circa 10 anni fa, feci inserire la clausola che impegnava la società locatrice proprietaria delle mura dell’intero centro commerciale a non fare inserire in futuro altre attività di vicinato riconducibili a parafarmacia e/o erboristeria.
    Circa 3 anni or sono, il supermercato operò un importante ristrutturazione che ha portato al suo interno la nascita di un area di circa 300 mq riservata solo ed esclusivamente ad articoli di parafarmacia ed erboristeria.
    Tale area è ben individuata da ogni punto del centro commerciale (sia all’interno del supermercato che dalla galleria) poiché la ristrutturazione citata si è materializzato con un ribassamento in cartongesso del soffitto di circa 60 cm riportante scritte come “salute e benessere” riconducibili certamente ad individuare un area di parafarmacia/erboristeria.
    Inoltre, le corsie di tali reparti riportano indicazioni chiare come “ilertensione” “cura del colesterolo” “cura della persona” etc.
    Il supermercato sugli scaffali delle corsie di tale reparto ha incrementato a dismisura gli articoli a me concorrenziali. La conseguenza di ciò ha determinato un progressivo ed inesorabile calo del mio fatturato arrivato oggi a dimezzarsi rispetto agli anni preristrutturazione in quanto le mie vendite si sono limitate quasi essenzialmente al farmaco che chiaramente il supermercato non può dispensare con invece una drastica riduzione di buona parte dei comparti che riguardano la fitoterapia, gli integratori alimentari, la dermocosmesi etc.
    Inoltre, al danno la beffa: sovente i clienti vengono a farsi un consulenza nella mia parafarmacia dove trovano un farmacista professionista chiedendo informazioni su ad es. un principio attivo etc. per poi proseguire nell’acquisto nel nuovo reparto del supermercato o di un prodotto identico o similare.
    La società proprietaria delle mura sostiene che non è stata violata la clausola in quanto il supermercato segue regole commerciali proprie e perché di fatto non è nata una nuova attività di vicinato di erboristeria o parafarmacia.
    Posso chiedere alla società locatrice proprietaria delle mura un risarcimento per il notevole danno economico subito e documentato dai libri contabili oltre alla perdita del valore inerente il negozio di parafarmacia?
    Chiedo venia per essermi dilungato e ringrazio anticipatamente chi vorrà darmi un parere professionale sulla questione.
    Grazie per l’opportunità data da questo utilissimo forum e porgo cordiali saluti a tutti.

    Andrea

    Marco Meo
    Bloccato
    Post totali: 18

    Buongiorno, mi scriva una mail all’indirizzo mecciu@icloud.com.
    Distinti saluti.
    MM

Stai visualizzando 2 post - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.