In che cosa consiste l’accrescimento?

Risposta: L'accrescimento è quel fenomeno giuridico in ragione del quale ove più eredi siano stati istituiti con uno stesso testamento nell'universalità dei beni, senza determinazione di parti od in parti uguali, e uno di essi non possa o non voglia accettare, la quota degli altri contitolari si accresce, cioè aumenta, inglobando quella del chiamato che non

Di |2018-04-17T10:33:40+02:00Aprile 17th, 2018|Categorie: |0 Commenti

Il testamento è revocabile?

Risposta: L'art. 679 c.c. sancisce la revocabilità del testamento. A tale facoltà il testatore non può rinunziare in alcun modo, come neppure a quella di modificare le proprie disposizioni testamentarie, poiché la volontà in esse espressa può mutare fino all'ultimo momento della sua vita, e non avrà pertanto effetto ogni clausola o condizione contraria. La

Di |2018-04-17T10:32:56+02:00Aprile 17th, 2018|Categorie: |0 Commenti

In quali ipotesi il testatore è incapace?

Risposta: Per il compimento del testamento la legge richiede la piena capacità di agire del testatore e la sua piena capacità di intendere e di volere. Possono disporre per testamento tutti coloro che non sono dichiarati incapaci dalla legge, mentre sono incapaci di testare tre categorie di soggetti: i minori, gli interdetti per infermità di

Di |2018-04-16T17:47:46+02:00Aprile 16th, 2018|Categorie: |0 Commenti

Quando e come si pubblica un testamento?

Risposta: La pubblicazione del testamento consente la conoscenza del suo contenuto da parte dei chiamati alla successione, dei familiari del defunto, dei creditori ereditari e di quelli dell'erede, ed ha altresì la funzione di renderne possibile l'esecuzione. Sono soggetti a pubblicazione il testamento olografo ed il testamento segreto, ma non quello pubblico, che avendo sempre valore di

Di |2018-04-16T17:46:51+02:00Aprile 16th, 2018|Categorie: |0 Commenti

Quanti tipi di testamento esistono?

Risposta: Il testamento è un negozio giuridico unilaterale, in quanto espressione della volontà del solo testatore, è personale, poiché quest'ultimo è l'unico soggetto legittimato a porlo in essere, non essendo ammessa forma di rappresentanza alcuna, non è ricettizio ma è revocabile e formale, dovendo estrinsecarsi, a pena di nullità, in una delle forme previste dalla

Di |2018-04-16T17:45:56+02:00Aprile 16th, 2018|Categorie: |0 Commenti

Qual è la differenza tra successione legittima e testamentaria?

Risposta: La successione legittima od intestata ha titolo nella legge, consistendo nell'attribuzione dei diritti successori da parte dell'ordinamento, e si contrappone alla successione testamentaria, che ha titolo invece nel testamento.Il nostro ordinamento consente all'individuo di disporre, a mezzo testamento, dei propri beni per il periodo successivo alla morte.Ove tuttavia ciò non avvenga, in tutto od in parte, sarà

Di |2018-04-16T17:44:51+02:00Aprile 16th, 2018|Categorie: |0 Commenti

In quali casi è possibile impugnare un testamento?

Quando il testamento è nullo oppure è semplicemente annullabile. Un testamento è da ritenersi nullo quando è contrario a norme imperative di legge oppure presenta dei difetti di forma che ne rendono incerta l'autenticità. Diverso è il caso del testamento lasciato da un soggetto ritenuto o dichiarato malato di mente o incapace di intendere e di volere oppure il caso di

Di |2018-04-06T13:42:38+02:00Aprile 6th, 2018|Categorie: |0 Commenti
Torna in cima