Risposta: Ricorso al prefetto

Il ricorso al prefetto, nel dettaglio, va proposto nel termine di 60 giorni decorrenti dalla notifica del verbale (o dal giorno successivo all’infrazione se vi è stata contestazione immediata).Tale forma di impugnazione non prevede costi ma se il ricorso è respinto andrà pagata la multa per un importo raddoppiato.

Leggi: “Il ricorso al Prefetto per impugnare una contravvenzione. Guida con fac-simile

Ricorso al giudice di pace

Se si decide di rivolgersi al giudice di pace i termini sono più ristretti e scendono a 30 giorni per i residenti in Italia (che diventano 60 solo per coloro che risiedono all’estero). In tal caso, i costi per l’impugnazione sono commisurati all’ammontare della sanzione e partono da 43 euro. Se il ricorso viene accolto gli stessi possono essere recuperati e, soprattutto, il rigetto dell’impugnazione non comporta il raddoppio automatico della sanzione.